Ti sei abbonato con successo a Backstage Magazine | Associazione artistica PETRUSKA | Markus Zohner Arts Company
Grande! Completa il checkout per l'accesso completo a Backstage Magazine | Associazione artistica PETRUSKA | Markus Zohner Arts Company
Ben tornato! Hai effettuato l'accesso.
Congratulazioni! Il tuo account è stato attivato, ora hai accesso a tutti i contenuti.
Le tue informazioni di fatturazione sono state aggiornate.
L'aggiornamento delle informazioni di fatturazione non è riuscito.

Etica, morale e responsabilità

Il mio paese è il mondo, e la mia religione è di fare del bene.

markus
markus

Grazie mille per le tue lettere, e-mail, messaggi, chiamate!
Sì, è vero, la domanda è: perché prendere un'attitudine contro la religione, e
sopratutto contro le sue manifestazioni nella società, in politica, nei media?

Credo che per me il punto cruciale (!) sia l'asserzione sbagliata che la religione sia una fonte di morale o di etica. Alla base di una morale o di un'etica sta il concetto della responsabilità personale di ognuno per le proprie azioni e per le proprie parole. Senza questo concetto è difficile (se non impossibile) costruire un codice etico che possa rendere fattibile la convivenza pacifica di persone.

La religione cristiana invece, è costruita su un concetto proveniente da un'usanza di società ignare del medio oriente: si impilano i peccati della tribù su un capro espiratorio e lo si manda nel deserto, per là farlo morire di sete e di fame.

Se ti voglio bene, potrei anche pagare una multa per te. Se ti voglio tanto bene, potrei persino pernottare per un certo periodo in prigione, per te. In questa maniera sì, pagherei per le tue azioni. Ma la responsabilità per quello che hai combinato rimarebbe sempre tua, questa non te la potrei togliere neanche facendomi decapitare per te.

Ci sono persone che trovano davvero eticamente giusto che i loro peccati possano venir perdonati attraverso la punizione di un altro. Che la tortura e l'uccisione di un'altra persona possa levare da loro la responsabilità per le loro azioni, per le loro parole. La religione cristiana si basa su questo concetto. Ma è un assunzione etica? Non credo.
Mandare il capro espiratorio nel deserto per farlo morire per i propri peccati è un'idea immorale.

Così, allo stesso modo, caricare la responsabilità per le proprie azioni su un uomo giustiziato su uno strumento di tortura non è per niente etico – perché abbandona il concetto della responsabilità personale. È da questa responsabilità personale, invece, che tutto il concetto della morale deve dipendere.

Come dice Thomas Paine: "Il mio paese è il mondo, e la mia religione è di fare del bene."

Grandi temi, forse sarebbe bello pensare a degli incontri in estate, per parlarne! O creiamo una serie podcast, o tutti e due....

Buona domenica, buon tutto, e.. scrivici sempre!